Serata dei talenti


Una splendida cornice di pubblico ha accompagnato lo scorso mercoledi’ 26 aprile la tradizionale “Serata dei talenti”.

Lo spettacolo ha assegnato i premi alle poesie composte dagli alunni di quarta media e votate su internet. Questo il risultato dalle oltre 600 preferenze espresse dal sito della scuola:

1 classificata: Spiraglio di libertà di Giulia Tedone

2 classificata: Il viaggio nel sonno di Charlotte Rancilio

3 classificata: Fedele compagno di Carlotta Bini

Riconoscimento speciale a Giorgia Ghezzi.

Durante la serata sono stati esposti disegni a tema, sempre realizzati dagli alunni della scuola media.

La premiazione è stata allietata da scenette in lingua, da interventi strumentali e da brani del CORO dell’ELVETICO.

La Sig.ra NICOLETTA  MARIOLINI – Delegata  federale al  plurilinguismo – ha impreziosito la serata con un intervento che ha ben interpretato lo spirito del lavoro che hanno svolto insegnanti e alunni durante l’attività didattica.

Ecco i testi di tutte le poesie partecipanti al concorso:

Spiraglio di libertà

Scorgo una luce soffusa,

spiraglio di speranza che illumina il cuore,

è un sogno piccino,

ancora incompreso,

un’ambizione nascente

che in me divampa imponente.

 

Decisione e impegno mi faranno arrivare

a quell’accesa scintilla,

quel sogno che da tanto voglio realizzare.

Così lontano ma così vicino,

mi accompagna da tempo nel mio cammino.

Con tempo e costanza potrò imparare,

che ciò che rende libero un uomo è proprio sognare.

II viaggio nel sonno

Il sogno arriva alla deriva,

nessuno lo chiama;

arriva.

 

Come una tempesta,

il sogno infesta.

Arriva come un tuono,

un suono che non  sempre si fa buono.

 

Sulle colline, sulle strade del mondo

sulle nuvole ci porta.

 

Nel viaggio del sonno

nulla è programmato,

tutto è inaspettato:

ci perdiamo e ci ritroviamo.

Fedele compagno

Sogno,

una timida linea che solca una pagina,

un fresco fruscio di pensieri,

un determinato battito d’ali.

 

Sogno,

un salto nel vuoto

per sprofondare in un’illusione profonda

come un abisso di desideri.

 

Sogno,

una libertà infinita,

ridipingo la mia vita.

 

Sogno,

silenzioso accompagnatore,

la realtà svanisce

ed io provo un sentimento che nessuno percepisce.

 

Sogno,

un tramonto di pagine,

una pioggia di pensieri,

una brezza alata.

 

Sogno,

fedele compagno

di una vita travagliata.

Felicità

Questa notte ho sognato la felicità.

Ho sognato una timida alba

su un mare dormiente,

la sabbia bianca come neve e la roccia pungente.

 

Hai afferrato per me

un pezzetto di mare,

chiuso dentro a una conchiglia

per non farlo scappare.

 

Questa notte ho sognato la felicità.

Mi sono voltata e mi hai sorriso davvero,

giuro s’è agitato il mare

e s’è infuocato il cielo.

Vago sogno

Vago desiderio

di una vita che sarà

risplende vivo nella cupa oscurità.

Dalla fosca nebbia della mente

fugge e rifugge

s’insinua e cresce

una sola notte per pensarlo

una vita sola per realizzarlo.

Il ritorno dei ricordi

Ieri ho sognato

nel silenzio assordante

della notte l’immagine

calda di te che mi ha riportato

la tua mancanza.

 

Ora è fluttuante nella testa

e forte come una tempesta.

 

Il tuo ricordo non ha intenzione di andare

e io non so più come fare.